Via Integra

Fr Mark's progressive Anglo-Catholic take on European Christianity

  • This is my collection of material about the current state of the churches in Europe. I am interested in looking at how they are dealing with the pressing issues of our time: the issues of gay people and women in ministry/ leadership are particularly pressing at the moment, as is the area of declining church attendance.

    I would like to see how Europe's traditional religious institutions are coping with the new Europe currently being forged, in which public opinion and ethical attitudes are becoming inceasingly pan-European, and are evidently presenting a series of strong challenges for the churches.

Italy – the gay issue

Posted by Fr Mark on October 5, 2009

Italy-EmblemAn Italian  Roman Catholic priest, Don Andrea Gallo, called for the state and church to recognise same-sex civil unions, saying that the rights of all minorities must be protected, and attacking the  current “intolerance” of the Church.

 

 

 

From La Voce di Fiore

http://www.lavocedifiore.org/SPIP/article.php3?id_article=743

 

Pacs, Don Gallo contro la Chiesa: intollerante

 

24 maggio 2006.

 

 

Sui Pacs l’Osservatore Romano e la Curia fanno ’’acrobazie’’. Ma, soprattutto, con un atteggiamento simile si entra nel campo dell’ ’’intolleranza religiosa’’, perche’ ’’le religioni non devono dire al fedele come devono vivere e votare’’. In un’intervista al quotidiano online ’Affariitaliani.it’, don Andrea Gallo risponde all’Osservatore Romano che ieri ha attaccato le posizioni del ministro della famiglia Rosy Bindi definendole ’’acrobazie dialettiche a danno della famiglia’’. ’’Se vuole qualificarsi, la maggioranza deve rispettare i diritti delle minoranze. Quindi, stando soprattutto alla Magna Charta che e’ l’art. 2 della Costituzione che sfocia nell’art. 3, devono essere affrontati i diritti di quelli che oggi chiamano Pacs – dice – chi fa la scelta per i piu’ poveri, per i diritti, non sbaglia mai: intanto li ascolta, e non li caccia’’. L’amore, prosegue, ’’non ha bisogno di registri civili, religiosi, o, come nel matrimonio cattolico, la presenza particolare del prete o le note dell’organo. E’ un impegno veramente grande, di liberazione, di annuncio per tutti’’. Dunque i Pacs non minano la famiglia. ’’Ammesso e non concesso che ci sia l’attacco al matrimonio – spiega Don Gallo – la coerenza dei cristiani non viene toccata, perche’ devono rispondere con dei si’ agli impegni presi davanti all’altare’’. Il messaggio alla Curia e’ chiaro. ’’Siete voi a fare acrobazie, qua c’e’ solo sofferenza. Io la penso come l’Abbe’ Pierre, vecchio ma sempre lucido, mi piace la definizione che ho letto in un suo libro: alleanza civile’’. Le religioni, prosegue il sacerdote genovese, ’’non devono dire al fedele come devono vivere o come votare al referendum. Questa e’ intolleranza religiosa, quando si parla di fondamentalismi si parla solo di quello islamico, che e’ falso. Qui c’e’ bisogno invece di moderazione religiosa, bisogna bacchettare quelli che vogliono imporre come si adora Dio’’. La difesa dei principi cristiani, conclude Don Gallo, ’’non deve preo ccuparsi di essere aggredita’’: piuttosto, ’’i cristiani devono impegnarsi a testimoniare nella realta’ politica e sociale la loro coerenza. Solo cosi’ potranno dare un messaggio di buona novella, nel rispetto tuttavia di altre scelte laiche’’

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

 
%d bloggers like this: