Via Integra

Fr Mark's progressive Anglo-Catholic take on European Christianity

  • This is my collection of material about the current state of the churches in Europe. I am interested in looking at how they are dealing with the pressing issues of our time: the issues of gay people and women in ministry/ leadership are particularly pressing at the moment, as is the area of declining church attendance.

    I would like to see how Europe's traditional religious institutions are coping with the new Europe currently being forged, in which public opinion and ethical attitudes are becoming inceasingly pan-European, and are evidently presenting a series of strong challenges for the churches.

Italy – the gay issue

Posted by Fr Mark on September 11, 2009

Italy-EmblemThe Roman Catholic Bishop of Bolzano and Bressanone has said that he is in favour of the Italian state legislating for civil partnerships for gay couples, as long as they are not called marriages.

 

From Inviatospeciale 27.03.09

http://www.inviatospeciale.com/2009/03/piccola-apertura-della-chiesa-alle-coppie-gay/

Piccola apertura della Chiesa alle coppie gay

Karl Golser, nuovo vescovo di Bolzano e Bressanone, apre alle coppie omosessuali. Forse qualcosa si muove al Vaticano.

Il nuovo vescovo di Bolzano e Bressanone apre al riconoscimento di tutele alle coppie omosessuali, purchè non siano equiparate al matrimonio. Il vescovo, in un’intervista al mensile paolino Jesus Mons ha  spiega la differenza fra la coppia uomo-donna e l’unione di persone dello stesso sesso: “L’amore ha diverse forme. Il problema è se questo amore debba trovare un’espressione sessuale. C’è differenza tra l’unione maschio-femmina, da cui nascono dei figli, e il rapporto tra persone di uno stesso sesso”.

Golser, che è autorevole teologo e anche presidente dei ‘moralisti italiani’, ha aggiunto che le unioni gay “avranno sicuramente bisogno di una qualche tutela giuridica, che però non può essere definita matrimonio. Penso a un tipo di tutela individuale riguardo l’eredità, la visita ai malati, la casa. Quando si tratta quest’argomento si rischia di fare subito un discorso ideologico, da una parte e dall’altra, ma un no su tutti i fronti non penso sia sempre utile. Alcune cose devono crescere in maniera più organica”.

E analizzando l’impostazione più generale del problema, con riferimento alla ‘legge naturale’ proposta dalla Chiesa, il vescovo ha afferma: “Per ‘legge naturale’ intendiamo la natura dell’uomo e non quella fuori da lui, non la biologia, la medicina o l’evoluzione. Si tratta di investigare la persona umana, libera, con alcuni tratti che però sono inalienabili”.

“Già la differenza -ha spiegato monsignor Golser – tra maschio e femmina, la malattia, la morte, sono cose comuni a tutte le persone e sulle quali bisogna riflettere. Ci sono alcuni assunti di base, dai quali però non sempre è facile far discendere delle norme concrete. D’altra parte, proprio perchè non è detto che ogni cosa debba essere sempre immutabile, è richiesto uno studio continuo”.

Il vescovo ha concluso: “Lo stesso Santo Padre ha più volte invitato i teologi moralisti ad approfondire i problemi della legge naturale. E prossimamente la Commissione teologica internazionale pubblicherà un nuovo documento dedicato proprio alla legge naturale e alla ricerca di un’etica universale”.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

 
%d bloggers like this: