Via Integra

Fr Mark's progressive Anglo-Catholic take on European Christianity

  • This is my collection of material about the current state of the churches in Europe. I am interested in looking at how they are dealing with the pressing issues of our time: the issues of gay people and women in ministry/ leadership are particularly pressing at the moment, as is the area of declining church attendance.

    I would like to see how Europe's traditional religious institutions are coping with the new Europe currently being forged, in which public opinion and ethical attitudes are becoming inceasingly pan-European, and are evidently presenting a series of strong challenges for the churches.

Italy – the gay issue

Posted by Fr Mark on August 20, 2009

Italy-EmblemA pastor in the Waldensian Church in Italy says that she has married same-sex couples.

From Corrierre della Serra, 08.02.07:

 

http://archiviostorico.corriere.it/2007/febbraio/08/pastora_valdese_sposato_coppie_gay_co_9_070208045.shtml

A LA SPEZIA

La pastora valdese: «Ho sposato coppie gay Sono discriminati, così Dio li ricompensa»

 

MILANO – Ci sono chiese cristiane, in Italia, dove le unioni omosessuali sono già accolte e dove, proprio come per le coppie «normali», amore, fedeltà e fede possono essere coronati da una benedizione che corrisponde al sacramento del matrimonio cattolico. Letizia Tomassone, da 23 anni pastora valdese, alla guida della chiesa metodista di La Spezia, spiega: «Per noi il matrimonio non è un sacramento. Due persone che decidono di iniziare la loro vita insieme chiedono la benedizione di Dio, al di là delle leggi. Nella norma, ciò accade davanti alla comunità. Ma poiché oggi gli omosessuali subiscono una discriminazione, è giusto compensarla anche in privato». Le preghiere sono le stesse di quelle pronunciate quando ad unirsi sono un uomo e una donna. Un precedente che appare come un simbolo, in una chiesa come quella valdese (30.000 fedeli in Italia), che ha sottoscritto un’ intesa con lo Stato e che vede i suoi matrimoni riconosciuti, attraverso una semplice trascrizione, agli effetti civili. Sul piano teologico, per i valdesi nulla ostacola il matrimonio tra gay. Sul piano concreto, le barriere sono due: l’ ordinamento statale è visto come una «garanzia» e la cultura dei fedeli, non ancora pronti. Letizia Tomassone è tra i pastori che, discretamente e senza proclami, garantiscono alle coppie di fedeli omosessuali le «pari opportunità». Spiega: «In nessun passo delle Scritture ci viene proposto un modello unico di famiglia. Al contrario, Dio incontra le persone: nella famiglia poligamica dell’ Antico Testamento, nella “strana” famiglia di Gesù, come nelle famiglie di oggi». Ma chi autorizza il pastore? «Nessuno, se questo avviene in privato, in maniera “appartata”. Sarei contraria a questa segretezza. Ma fino a quando non verrà superata la discriminazione, accogliere le loro unioni rappresenti una compensazione». Perché una coppia gay chiede di sposarsi? «Per superare il senso di colpa a fronte dell’ amore reciproco. C’ è una grande fede dietro questa domanda, c’ è la visione di un Dio che protegge, anziché schiacciare e punire».

Advertisements

2 Responses to “Italy – the gay issue”

  1. john said

    Dear Fr Mark,

    Have you seen the Modern ChurchPeople’s Union response to Williams and Wright? It is fantastic.It will gladden your heart.

    http://www.modchurchunion.org/resources/mcu/2009-1.htm

    Best,

    John.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

 
%d bloggers like this: