Via Integra

Fr Mark's progressive Anglo-Catholic take on European Christianity

  • This is my collection of material about the current state of the churches in Europe. I am interested in looking at how they are dealing with the pressing issues of our time: the issues of gay people and women in ministry/ leadership are particularly pressing at the moment, as is the area of declining church attendance.

    I would like to see how Europe's traditional religious institutions are coping with the new Europe currently being forged, in which public opinion and ethical attitudes are becoming inceasingly pan-European, and are evidently presenting a series of strong challenges for the churches.

Italy – the gay issue

Posted by Fr Mark on August 10, 2009

Italy-EmblemAn Italian gay couple say they were secretly married in church in 1978 by a Roman Catholic priest. Later they were legally married in Spain.

 

From La Repubblica, 08.11.06

http://www.repubblica.it/2006/11/sezioni/cronaca/matrimonio-gay/matrimonio-gay/matrimonio-gay.html

 

Luca e Francesco, doppie nozze gay
Don Franco: “Li sposai in clandestinità”

Il prete ‘ribelle’ sospeso a divinis continua a celebrare messa
“La fede è superiore alla dottrina della Chiesa. L’amore è un dono di Dio”
di ALBERTO CUSTODERO

 

LUCA e Francesco sono gli unici gay al mondo ad essersi sposati due volte. Il loro primo matrimonio è stato religioso, celebrato in totale segretezza, il 4 febbraio del 1978, a Pinerolo (nel Torinese), da un sacerdote, don Franco Barbero. Il secondo – in piena ufficialità – che li ha resi legalmente “coniugi” (formula che sostituisce un improbabile marito e moglie), si è svolto in Spagna grazie alla recente legge che autorizza i matrimoni gay.

Luca e Francesco, quando sono stati dichiarati “sposi” da don Franco, avevano rispettivamente 27 e 31 anni, il primo era commesso in un negozio di alimentari, il secondo professore di lettere al liceo. Un paio di anni fa, sapendo che il governo laico di Zapatero, in una cattolicissima Spagna (dopo Belgio e Olanda), di lì a poco avrebbe reso legali i matrimoni omosessuali, si sono trasferiti nei pressi di Malaga, sulla Costa del Sol, per diventare cittadini spagnoli.

E così, a maggio di quest’anno, 10 mesi dopo l’approvazione della legge Zapatero, nel municipio di una cittadina dell’Andalusia si sono giurati fedeltà per la seconda volta. Oggi (uno 59enne, l’altro 55enne, entrambi in pensione), sono forse i primi omosessuali italiani a essere stati dichiarati “coniugi” in Spagna. A raccontare la loro lunga storia d’amore durata 28 anni e “consacrata” da due matrimoni, uno cattolico e l’altro laico, il primo clandestino, il secondo alla luce del sole, è il sacerdote pinerolese…..

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

 
%d bloggers like this: